Nella terra del sultano: cosa vedere e cosa fare in Oman

Condividi questo articolo

Come per magia, dalla sabbia della penisola arabica, tra monti alti più di 2000 metri e spiagge cristalline risplende fiera la terra del Sultano. L’Oman è il nuovo imperdibile capitolo de le Mille e una Notte da non perdersi.

L’Oman, si trova all’uscita del golfo persico ad estremo oriente della penisola arabica, ed è la vera e propria meta rivelazione degli ultimi anni in medio-oriente. Se non ci sei ancora stato ti chiederai il perché:

che cosa c’è da visitare, dove si può andare in Oman? La risposta è molto semplice. L’Oman va scoperto!

Questo perché ciò contraddistingue questa terra, anche data la sua fisionomia, è la possibilità di trovarsi in pochi chilometri da 2000 metri a delle splendide spiagge passando per deserti e monumenti antichi.
Per darvi una mano nel progettare questo incredibile viaggio, questo articolo vi illustrerà le migliori cose da vedere e fare in Oman.

Cosa fare in Oman? Fermatevi e osservate la cultura omanita

Partiamo da un presupposto: per vedere tutto ciò che l’Oman ha da offrire non basterebbe un mese! Ma un periodo compreso fra i 5 giorni e i 10 giorni è sufficiente per visitare i posti principali.

Fin da quando arriverai a Muscat, la capitale dell’Oman ti inserirai in un ambiente che ti sorprenderà e ti farà sentire a tuo agio. Sì perché L’Oman è un Paese molto legato alle proprie tradizioni mediorientali ma è aperto e accogliente; e questo è tutto quello che serve per rendere una destinazione più che piacevole.

Parliamo di un  paese fatto crescere nel tempo grazie alla mente visionaria del Sultano Qaboos (Molto protetto e dalla vita riservatissima) sotto principi di tolleranza religiosa e impedimento di ogni genere di violenza. Il velo per esempio non è obbligatorio per le turiste. L’Oman è considerato fra i paesi più sicuri al mondo e con un indice di terrorismo dal punteggio pari a zero (l’unico nel medio oriente).

Attenzione però! Come in ogni posto in cui si viaggia, quando si visita l’Oman bisogna farlo sempre con una buona dose di rispetto! Il buon viaggiatore lo sa e non avrà bisogno di questo monito comunque indispensabile.

Per maggiori informazioni sulla crescita e storia culturale del Paese, ma anche su regole, e pratiche da rispettare nel caso volessi fare un viaggio in Oman ti suggeriamo di dare un’occhiata qui.

Per il resto non ti preoccupare, ci pensa Rolling Pandas 😉


Cosa vedere in Oman – Città,  tradizione e architettura

Muscat, la capitale

Muscat è la capitale dell’Oman ed è la prima inevitabile tappa da vedere in Oman (la maggior parte dei tour partono da Muscat), perché è una città moderna ma delicata, con costruzioni che così come in tutto l’Oman seguono i canoni  imposti dal Sultano, spiccando per eleganza e sobrietà in netta contrapposizione con città sfarzose come Doha, Dubai e altre città ultramoderne del medio oriente. Le costruzioni non eccedono quindi in altezza, hanno caratteristicamente le facciate bianche con decorazioni ocra. I pavimenti in marmo, fontane e giardini all’inglese vi accoglieranno in un’atmosfera limpida e piacevole.

A muscat potrete trovare e ammirare:

  • La grande moschea del sultano Qaboos
  • Il Diwan, il Palazzo Reale
  • Il Souk nella zona centrale del Mutrah
  • La Corniche
  • Royal Opera House

La grande moschea è forse tra le principali attrazioni da visitare in tutto l’Oman, ma anche in tutto il panorama musulmano se la paragoniamo con altre moschee.

E’ la quarta al mondo per grandezza, edificata su una superficie di 416.000 km2 ed è in grado di accogliere nel suo complesso 20000 fedeli.

E’ la manifestazione assoluta dell’eleganza e del fascino omanita. Il bianco delle facciate risplende costantemente, giorno e notte. la struttura è circondata da rigogliosi giardini curati e irrigati meticolosamente. All’interno la moschea esibisce tutti il fascino del marmo che brilla sotto gli incredibili lampadari di swarovski e anche il tappeto di seta più grande al mondo.

Emozionante sarà percorrere il viale, anch’esso rigoglioso di aiuole ai lati, che vi condurrà al palazzo reale, maestoso ed elegante. ammirabile però solo esternamente.

Camminando per il centro della città ti troverai nel bellissimo souk di Muscat dove il profumo di incenso pervade l’ambiente. Sarei benvenuto nel profondo medio oriente, tra bancarelle tipiche, spezie, tipicità culinarie e artigianato locale che spicca nei gioielli e nei Kanjhar, gli antichi pugnali in argento e avorio. Impossibile non prendere qualcosa, ma tieniti pronto a contrattare!

Appena fuori dal Souk, potrai intraprendere una piacevolissima camminata sul lungomare, immergendoti nella vita della città, sostando nei bar tipici con uno sguardo sul porto.

Infine tra le cose da fare a Muscat vale la pena menzionare la Royal Opera House, ideata come la struttura che protegga e mantenga la cultura. Lo sfarzo di questo teatro ti lascerà stupito! E se vorrete partecipare a spettacoli (spesso anche di compagnie italiane) il biglietto arriva anche a costare il pari di 10€. E’ quindi assolutamente un’esperienza da vivere.


Tour nella storia dell’Oman

Per gli amanti della storia e delle opere antiche l’Oman offre degli itinerari molto interessanti. D’altronde questo Paese è stato attraversato da culture millenarie, alcune di esse molto rilevanti. Si pensi alle popolazioni della babilonia, il grande impero persiano e l’impero ottomano. Molte culture sono passate da qui, data anche la sua posizione strategica all’imbocco del golfo persico.

Imperdibile è quindi un tour tra i castelli e i forti pilastri della cultura omanita. Il più famoso è il forte di Bahla, sito patrimonio dell’Unesco, ma non potrai farti mancare il suggestivi e solitari forti di Nukhal e Jabrin, in mura ocra. entrambi eretti in mezzo a maestosi palmeti dove potrai contemplare il silenzio di queste magnifiche costruzioni.

Infine va menzionato il forte di Nizwa. Quest’ultima è l’antica capitale dell’Oman, ed è costruita tutta intorno al forte. E’ praticamente un’oasi nel deserto ed è un vero e proprio salto nella cultura musulmana. Per questo in questa città è richiesta una particolare attenzione a costumi. Vedrai uomini nella classica tenuta dishdasha, tanta religiosità e tanti profumi e spezie.

Tra i monti dell’Oman sarà inoltre possibile fare un ulteriore salto nel passato se durante un’escursione avrai occasione di fermarti nella cittadina merlettata millenaria di Wadi Ghull, di origine persiana. L’intera zona è immersa e legata all’antichità. Anche il vicino villaggio di Al Hamra.


I profumi dell’Oman e la via dell’incenso

Abbiamo già menzionato parecchie volte di profumi, spezie e incenso. L’Oman è una delle terre più ricche in questo ambito ma anche una di quelle che terre ha vissuto economicamente parlando dell’unicità dei suoi prodotti, in particolare dell’incenso. E’ dall’Oman che partiva la celebre via dell’incenso che proseguiva poi per tutta la penisola arabica. Una sorta di via salaria del mondo arabo.

Mirra, sandalo, gelsomino: l’incenso è un acquisto imprescindibile per un turista e ve ne sono anche di molto pregiati come il biance e il blu Hujari.

Ma i profumi di questa terra non si fermano qui. Contrariamente a ciò che si può l’Oman è luogo e terreno fertile per la rosa damascena. La sua fioritura sull’altopiano di Jabal Akhdar (la montagna verde) è uno spettacolo visivo e olfattivo unico al mondo! Andate in Oman tra aprile e maggio per assistervi. I profumi che ne vengono prodotti è un’altra cosa da mettere nella lista dei ricordi che bisognerebbe portarsi a casa.


Alla ricerca di paesaggi e avventura in Oman, dove andare

Sebbene quanto detto finora basterebbe a rendere l’esperienza in Oman unica, questa terra offre spettacoli naturali sorprendenti e di incredibile bellezza.

Escursioni al Wahiba Sands

In Oman vi sono varie zone desertiche ma la più spettacolare è senza dubbio il deserto di Wahiba Sands

In questa zona potrete vivere tutta l’esperienza di stare nel deserto, anche per più di un giorno. In questa enorme distesa di dune e sabbia dorata vi sono  bivacchi dove potrete allestire la tenda.

Vari percorsi battuti sono percorribili con un 4×4, noleggiabile o propri. Vengono organizzate anche escursioni a bordo dei cammelli e per i più fortunati l’incontro coi beduini potrebbe riservare una piacevole pausa thè con datteri.


Le spiagge cristalline

Gli amanti del relax, ma anche gli amanti della natura saranno felicissimi di poter sostare e fare il bagno nei mari dell’Oman. Le spiagge cristalline dalla sabbia bianca formano per altro un tutt’uno con lo stile delle costruzioni omanite rendendo il paese forse uno dei più eleganti al mondo e sicuramente uno dei migliori in termini di integrazione tra natura e costruzioni artificiali.

La spiaggia sicuramente più famosa è la Tiwi White Beach,  situata ad 80 Km da Muscat. Vi strizzerete gli occhi più d’una volta di fronte a questa meraviglia naturale alla quale raramente potrete assistere in altri parte del mondo. perchè quello che davvero colpisce è  l’alternarsi della terra bruciata, desertica che si alterna e diventa un bianco puro della spiaggia per poi arrivare allo zaffiro e turchese del mare.

Un contrasto di colore da brividi di emozioni che vi porteranno al 100% a fare un bagno in queste acque.

A proposito di bellezze marine, un’altra destinazione molto ambita è la Ras Al Jinz Turtle beach, dove potrete visitare la riserva naturale dedicata alla rarissima e a rischio estinzione, tartaruga verde. Vai in gruppi e includi nelle tue visite marine anche un’osservazione dei delfini qualora il periodo lo consista.


Escursioni tra le montagne e canyon dell’Oman

Tra le possibili cose da fare in Oman non manca certo l’avventura e l’escursionismo, che ti ripagherà sempre regalandoti esperienze in una natura magari non selvaggia come si può immaginare una giungla ma sicuramente suggestiva e incontaminata e proprio per questo, unica.

L’Oman sorpende ancora se si pensa che è una zona particolarmente montuosa, in una penisola dove tendenzialmente si pensa vi sia una distesa piatta infinita di deserto. Non è così! 

In giro per le vallate del Paese, a caccia di paesaggi mozzafiato ecco i nostri suggerimenti su cosa vedere in Oman per gli avventurieri e appassionati di natura.

Non lasciarti spaventare dai nomi ma lascia che avvolgano dentro di essi tutto il mistero e la bellezza di questi posti aumentando la tua curiosità.

Wadi Banhi Kalid

Il Wadi banhi kalid è un luogo che altri non è che una delle più classiche oasi nel deserto, nello specifico il Rub Al-Khali, in realtà particolarmente montuoso che si distende tra una ricca rete di gole. Proprio in mezze a queste gole potrete trovare questa bellissima e verdeggiante oasi caratterizzata dalle splendide piscine naturali.

Bimmah Sinkhole

Tra le varie formazioni rocciose contraddistinte da acque cristalline è assolutamente doveroso che si pianifichi una visita al Bimmahl Sinkhole, Spettacolare dolina che si apre su acque smeraldo per metà marine e metà di sorgente.

Wadi Shab

Altra famosa gola scavata nel corso dei millenni è il Wadi Shab. Non perdertela soppratutto se sei un appassionato di rafting. 

Jebel Shams

Queste gole in realtà possono tranquillamente essere considerati canyon anche per la classica composizione rocciosa bruciata dal colore rossastro. A tal proposito potrai organizzare intense escursioni lungo le pendici del Jebel Shams, il monte più alto dell’Oman che tocca i 3075 metri di altitudine!! formando un enorme canyon anche conosciuto come il grand canyon di Arabia.

Questo monte è situato nella catena montuosa dei monti Hajar famosa per i suoi altopiani che si colorano e profumano degli odori più intensi di tutto il medio oriente, grazie alla fioriture già menzionate prime della rosa damascena. Ma ciò che vi sorprenderà di più è che tra le gole di questa catena montuosa potrete assaggiare frutti tropicali come il mango e la papaya!!

Jabal Al Akhdar

Tra i monti più celebri di questa catena abbiamo già accennato della famosa montagna verde chiamata Jabal Akhdar. Il nome montagna verde è più che meritato, infatti la spettacolare fioritura  colorerà e profumerà la terra bruciata creando una composizione naturale alquanto sorprendente.

Su questo monte se ne hai l’opportunità devi provare ad aggiudicarti una camere al Al Jabal Al Akhdar resort Anantara, da dove potrete accedere al famosissimo Diana’s point, il luogo dove Lady Diana fu portata in elicottero quando ancora la zona non era accessibile e da cui oggi ci si può affacciare grazie a questa piattaforma a lei intitolata.

Sempre più persone stanno scoprendo quante cose ci sono da vedere e fare  in Oman, una terra ricca di tradizione e natura, di paesaggi e di persone dedite al proprio paese e alla propria cultura. La cura di ogni aspetto, dalla costruzione artificiale all manutenzione e protezione della natura rendono questo paese un esempio di turismo sostenibile.


Condividi questo articolo

Lascia un commento