Thailandia: cosa vedere nella perla del Sud-Est asiatico

Condividi questo articolo

Da una tazza di caffè a Chiang Mai ad un cocktail sulla spiaggia di Koh Samui; scopri i luoghi più interessanti della Thailandia

La Thailandia è un paese ammaliante; templi buddisti riccamente decorati, rovine di antiche capitali, spiagge da cartolina: un paesaggio unico pieno di luoghi di interesse. Un paese dove nelle grandi metropoli convivono fianco a fianco antichi edifici del Regno del Siam e grattacieli moderni che si innalzano fino a toccare le nuvole. La Thailandia è dove tradizione e modernità si uniscono rendendo questo Paese una meta turistica desiderabile da chiunque, dagli avventurieri patiti di storia antica agli amanti del mare e della spiaggia.


Thailandia centrale

Il centro della Thailandia è molto più che Bangkok o Pattaya. Appena ci si allontana dalle caotiche città è possibile trovare campi verdi che si distendono davanti ai tuoi occhi frammentati solo da qualche casetta o piccoli villaggi. Qui si respira l’essenza rurale della Thailandia.

Ayutthaya, la Venezia d’Oriente

Seconda capitale del regno del Siam dopo Sukhothai, purtroppo la città fu distrutta nel diciottesimo secolo dai Birmani. Ora le sue rovine che comprendono 67 templi, un palazzo reale e un campo per elefanti sono sito dell’UNESCO. 

Uno dei templi più iconici del Paese è Wat Chaiwatthanaram in stile Khmer. I bassorilievi, in origine, ritraevano varie scena della vita di Buddha anche se ora sfortunatamente ne rimangono solo alcuni frammenti.

Wat Yai Chai Mongkhon, il tempio d’oro vestito

A sud-est di Ayutthaya si trova Wat Yai Chai Mongkhon, visitatissimo sia da turisti che dai fedeli. Punto di riferimento di diversi eventi della storia della Thailandia, nel tempio regna la calma. Perfetto per passeggiare nei suoi giardini in compagnia delle statue dalle caratteristiche vesti gialle. 

Indimenticabile la grande statua bianca di Buddha in posizione distesa, anch’esso ricoperto da una veste dorata.

Giocando con elefanti e scimmie all’Erawan National Park

Al confine con il Myanmar si trova l’Erawan National Park, una riserva naturale che deve quasi tutta la sua fama alle magnifiche cascate. Le sue fitte foreste accolgono una spropositata quantità di specie animali che però non sono facilmente visibili, soprattutto nell’affollata area circostante alle cascate. Se inizia a fare caldo, non preoccuparti! Indossa il costume e fai un bagno in una delle tante piscine naturali. Fai solo attenzione a non farti rubare lo zaino dalle dispettose scimmiette del parco!

Bangkok, il cuore pulsante della Thailandia

La capitale e la città più popolosa della Thailandia, Bangkok nel 2018 è stata la meta più visitata da viaggiatori internazionali, rimanendo in testa per il quarto anno consecutivo. La metropoli thailandese rappresenta l’evoluzione di questo Paese. La città, infatti, incorpora al suo interno sia la vecchia Rattanakosin che i moderni quartieri finanziari.
Tra le città più moderne dell’Asia, Bangkok sembra uscita da un film futuristico con degli altissimi grattacieli e il suo skytrain sospeso a mezz’aria. I suoi abitanti hanno fatto sì che fiorissero in tutta la città centri commerciali enormi (soprattutto lungo le rive del fiume) e interi quartieri dedicati allo svago e alla vita notturna. Con bar e locali che riempiono Khao San Road, Thonglor ed Ekkamai e i quartieri a luci rosse di Patpong e Nana Plaza il divertimento è assicurato.

Bangkok è spesso il punto di partenza dei viaggi di molti che toccano per la prima volta il suolo thailandese proprio qui. Dalla capitale partono la maggior parte dei voli interni che collegano la metropoli al resto del Paese. 

Affacciata sul fiume Chao Phraya, Rattanakosin la città vecchia di Bangkok, è la casa di moltissimi templi buddisti ed luoghi d’interesse dell’antica capitale.

Gran Palazzo, la chiave per il passato di Bangkok

Fulcro di Rattanakosin e residenza regale dal 1782. Usata solo per le cerimonie regali e non più come domicilio, il Gran Palazzo è una delle attrazioni turistiche più importanti di Bangkok. Curiosi da tutto il mondo arrivano in Thailandia per farsi meravigliare dai minuziosi dettagli della sua struttura.
Il complesso del Gran Palazzo consiste in più edifici di vari stili (in quanto aggiunti durante i diversi regni), tra questi il più importante è il sacro Wat Phra Kaew.

Temple of the Emerald Buddha

Forse il tempio più famoso di tutta Bangkok, Wat Phra Kaew è uno dei luoghi più sacri dell’intera città vecchia. Questo sfarzoso e lussuoso tempio fa da custode ad una preziosissima statua di buddha scolpita da un intero blocco di giada. Il buddha smeraldo è talmente prezioso che nessuno può avvicinarsi se non il re che tre volte all’anno partecipa alla vestizione della statua.

Temple of the Reclining Buddha 

Ciò che rende questo tempio buddista un luogo d’interesse famoso tra i turisti e i locali sono la cappella e la grande statua di Buddha, completamente ricoperta da foglia d’oro. Eppure l’enorme complesso di Wat Pho vanta anche la presenza di una decina di strutture minori, un’innumerevole quantità di statue proveniente da ogni angolo della Thailandia e una scuola di medicina e massaggio terapeutico.

Prima di diventare scuola di massaggio nel 1955, il tempio fu la prima università pubblica della Thailandia dove era possibile studiare religione, scienza e letteratura. La scuola è aperta ai clienti per cui dopo una lunga camminata per Wat Pho, lasciatevi coccolare da un rigenerante massaggio thai.

Pattaya, il divertimento fatto a città

A soli 100 km dalla capitale, Pattaya è piacere puro, il vizio diventato città. Eppure questa città non può essere limitata solo alla sua cattiva reputazione.
Ben note a tutti, le sue spiagge affollate non sono sicuramente tra le più belle, ma non ci sono dubbi che siano tra le meglio servite dell’intera Thailandia. Sport d’acqua, bar e ristoranti rinomati, centri di massaggio, il tutto a pochi passi dalla riva. 

Se invece preferite acque più chiare dove poter fare snorkeling, direttamente dal porto di Pattaya partono barche dirette a Koh Larn, l’isola dei coralli, per un’escursione in giornata. A soli 15 minuti di barca dalle coste di Pattaya, la piccola isola dei coralli è lunga solo 4 chilometri ma possiede 6 bellissime spiagge dove potersi divertire in sport acquatici e snorkeling. Una piccola fuga giornaliera dall’affollata Pattaya.

Quando religione e avanguardia si fondono nasce il Sanctuary of Truth

Le spiagge di Pattaya non sono di tuo gusto? Prova a fare una visita al Sanctuary of Truth, un tempio interamente in legno iniziato nel 1981 e non ancora completato. L’idea alla base del più visitato luogo d’interesse di Pattaya è che tutte le religioni portano alla scoperta di una sola verità. Lo scopo dell’edificio è mostrare l’importanza delle varie filosofie religiose nel mantenere un equilibrio all’interno della società.


Thailandia del Nord

La Thailandia del Nord con il suo paesaggio montano ricoperto da un fitto manto di foreste sembra rimanere intoccato dalla modernità di Bangkok. Le città del nord appaiono ferme ad un tempo lontano, dove la vita scorre tranquilla. 

Il Triangolo d’Oro (la zona d’incontro tra Thailandia, Myanmar e Laos) vi mostrerà la Thailandia più autentica fatta di paesaggi collinari e campi di riso. Con il suo clima più fresco rispetto al sud, non potrete non apprezzare queste visioni mozzafiato senza una bollente tazza di pregiato caffè in mano.

Chiang Mai, la città immersa tra le colline verdi del nord

La capitale del Nord stuzzica la curiosità di molti viaggiatori. Dagli esperti lupi solitari che si avventurano per il poco battuto Nord o per gli amanti dello shopping sempre alla ricerca di perle nascoste tra i mercati locali o ancora dai turisti dal palato sopraffino, Chiang Mai racchiude tutto ciò che c’è da apprezzare della tradizione thailandese. Essendo ridotta in dimensioni rispetto a Bangkok, è possibile visitare l’intera città a piedi o in scooter in un giorno. I siti storici più belli si trovano appena fuori dalla città vecchia.

Pur festeggiando il Loy Krathong in tutto il Paese, l’atmosfera che Chiang Mai crea intorno al festival è impareggiabile. I festeggiamenti durano un’intera settimana e si concludono con il rilascio delle lanterne luminose nell’acqua. Una visione sublime resa ancora più romantica dal detto popolare che afferma che se la luce della candela rimane accesa fino a quando il krathong scompare alla vista allora la coppia rimarrà insieme per sempre.

L’eccentrico Tempio Bianco di Chiang Rai

A Chiang Rai è possibile ammirare uno dei templi più belli, invidiato da tutto il mondo. Il Tempio Bianco non si è sempre presentato a tutti nella sua estrosa e candida bellezza, ma è il prodotto di una rinnovazione da parte del visual artist Chalermchai Kositpipat che nel 1997 ha inaugurato il nuovo Wat Rong Khun. Il tempio buddista che si apre al pubblico come delle ali di una colomba integra figure e temi religiosi e riferimenti alla cultura pop.

Pai, una cittadina persa nella sua tranquillità

Pai è una cittadina dove i ritmi tranquilli della vallata permettono di visitare i canyon e le cascate circostanti senza essere circondati da folle di turisti.
Dopo un’escursione nei dintorni della cittadina, tra canyon, cascate e fiumi, l’ideale è un bagno rilassante alle terme per una rigenerante pausa in mezzo alla natura.

Sukhothai, una capitale di cui restano solo le rovine

Capoluogo dell’omonima provincia, Sukhothai è una città dalla ricca storia che divenne la capitale del primo regno siamese. Cioè rende Sukhothai interessante agli occhi di turisti e appassionati di storia è il Sukhothai Historical Park che raccoglie tutte le 193 rovine dell’ormai scomparso regno siamese; tra queste ci sono 26 templi e un palazzo reale.

Il tempio che assolutamente non dovete tralasciare è Wat Mahathat, il più grande del parco situato di fianco al palazzo reale. Il luogo di interesse archeologico è corredato da numerose sculture (alcune di queste restaurate nel corso del secolo scorso) di diverse correnti stilistiche.


Sud della Thailandia e isole

Il Sud della Thailandia, stretto tra il Golfo del Siam e il Mare delle Andamane, è punteggiato da un migliaio di isole e arcipelaghi, tanti piccoli gioielli dalle sabbie bianche e dorate e le acque smeraldo. Con 1430 isole non è facile scegliere dove andare….

Un arcipelago paradisiaco: Krabi

L’arcipelago di Krabi è tra i più affascinanti del Mare delle Andamane. Spiagge dalla sabbia soffice e chiara e acque cristalline è un luogo appartato per chi vuole prendere il sole lontano dalla frenesia di Phuket o dalle affollate Phi Phi

Tra le spiagge più belle di sicuro si trova Railay Beach, una penisoletta che comprende quattro spiagge e decine di attività da fare: arrampicata, escursioni nelle grotte, andare con una barca di isoletta in isoletta, fare un giro in kayak…

Koh Samui, l’isola del divertimento

Koh Samui è l’arcipelago più amato da turisti, famiglie e festaioli subito dopo Phuket. Koh Samui, l’isola più grande dell’arcipelago, è ricca di ristoranti stellati, bar e locali notturni. In particolare Chaweng, la via principale dell’isola, prende vita dopo il crepuscolo quando le strade affollano e le discoteche si accendono.

Anche Koh Pha Ngan, vicina di Koh Samui, è celebre per la sua selvaggia vita notturna. L’isola attrae principalmente una folla di giovani che aspettano solo i Full Moon Parties per poter ballare e ubriacarsi sulle spiagge illuminate dalla luna piena. 

Per chi invece è alla ricerca di un posto dove fare immersioni e snorkelling, Koh Tao è la destinazione giusta. Hai sempre voluto fare immersioni ma non hai mai preso la licenza? Non preoccuparti, puoi imparare direttamente sull’isola!

Perdersi nella natura incontaminata del Parco Nazionale Marino di Ang Thong

Parco che comprende 42 isole (tra cui il già citato arcipelago di Koh Samui) tutte da esplorare. Che sia un’isoletta sperduta o nel mezzo della giungla, non c’è angolo precluso al pubblico. Perché non divertirsi cercando la propria spiaggia personale in kayak o spiando la fauna tra le fronde degli alberi tropicali?


Quando andare

La Thailandia gode di un clima tropicale e quindi le temperature rimangono abbastanza alte durante tutto l’anno pur essendo molto umido.
Le stagioni climatiche sono due: quella secca e quella delle piogge. Quest’ultima, generalmente, va da Maggio a Ottobre anche se poi varia a seconda della zona.

In ogni caso è particolarmente consigliato andare in Thailandia nel mese di Novembre per poter assistere al meraviglioso spettacolo del Loy Krathong, il festival delle lanterne, dove migliaia di lanterne in ogni città vengono rilasciate nelle acque a lasciate galleggiare fino a quando non scompaiono sotto il vostro sguardo.

Quando visitare la Thailandia del Nord

La Thailandia del Nord, non affacciandosi sul mare, ha un clima più rigido, soprattutto nelle zone montagnose dove la temperatura può anche scendere sotto i 20°C per cui si consiglia di parte vestiti pesanti. 

Il periodo migliore per andare nella Thailandia del Nord è da Novembre a Febbraio. Da Giugno a Ottobre si concentrano la maggior parte delle precipitazioni dell’anno anche se le temperature sono più alte, sfiorando i 40°C.

Quando visitare la Thailandia centrale

Per quanto riguarda il Centro e Bangkok, il periodo migliore è da Gennaio a Marzo, anche se il clima è ottimo anche da Novembre in poi.

Quando visitare il Sud-Ovest della Thailandia

Il Sud-Ovest ha temperature che si mantengono tra i 25 e i 30°C durante tutto il corso dell’anno, cambia solo la quantità di giorni di pioggia. I mesi meno piovosi e consigliati per un viaggio sulle isole del Mare delle Andamane sono quelli tra Dicembre e Aprile.

Quando visitare il Sud-Est della Thailandia

Per quanto riguarda la costa sud-orientale, in particolare Koh Samui, i mesi più piovosi sono quelli di Ottobre, Novembre e Dicembre per cui il periodo consigliato è da fine Gennaio a metà Aprile.


Dalla frenetica capitale alle tranquille cittadine di Pai e Chiang Rai nel verde Nord, la Thailandia saprà come conquistare il tuo cuore con la sua saporita cucina, la sua popolazione accogliente e i suoi raffinati templi dorati. Ora che sai quali sono i luoghi da vedere assolutamente in Thailandia non c’è nulla che possa fermarti dal prendere il primo volo diretto a Bangkok!


Condividi questo articolo

Lascia un commento