Tempo di lettura: 10 minuti

Sognando la Turchia, cosa vedere?

 

Terra di mezzo, terra di storia, terra di cultura: la Turchia sembra quasi un mondo lontano e un sogno difficile da realizzare. La sua storia si perde nella fiaba e la sua cultura è un melting pot di diversità, che a volte è difficile far combaciare.

E voi, state ancora pensando in Turchia cosa vedere? Favoleggiate ancora sul vostro viaggio immersi tra le guide più disparate? Sognate ancora le mille e una notte?

 

Basta sognare adesso: lasciatevi trasportare dai nostri consigli su cosa vedere in Turchia e il resto… vivetelo!

Ma prima di scoprire in Turchia cosa c’è da vedere, soffermiamoci sulla caleidoscopica società e cultura : non vorrete arrivare impreparati!

    1. Storia e società

 

1. Storia e società

Porta d’Oriente, luogo di scontro/incontro tra due continenti, finestra tra Europa e Asia, la Turchia rappresenta il contrasto e l’unione del sapore europeo e del sapore mediorientale. Come poter comprendere fino in fondo la vastità e l’immensa diversità di un paese così poliedrico che affonda le sue radici nella notte dei tempi? Non è possibile, se non vivendola a 360 gradi.

Proprio per la sua posizione centrale e strategica, la Turcia ha sempre controllato i vari passaggi, diventando a seconda della situazione, ostaolo o ponte tra gli stati. Non male, eh?

Ma la natura selvaggia e incontaminata non corrisponde all’interezza geografica dell’essenza turca: non si possono dimenticare le sue città ricche di storia millenaria e tradizioni composite, quali Alicarnasso (oggi Bodrum) patria dello storico greco Erodoto, Smirne museo a cielo aperto o Istanbul l’antica capitale bizantina, conosciuta come Bisanzio o Costantinopoli. Giusto per citarne qualcuna.

Nomi famosi riecheggiano nella nostra mente dai libri di storia, dalle favole, dai film ma è tutto reale: alcune civiltà si sono costruite proprio qui.

 

Greca, bizantina, romana, persiana, ottomana. E ancora musulmana (in prevalenza), cattolica, ebrea: ce ne è per tutti i gusti! Ma storia e geografia a parte, il vero viaggio comincia dalle persone e dal loro spirito. Il contrasto regna sovrano ma il compromesso è suo amico e compagno.

Il richiamo imperioso del muezzin si fonda con il canto angelico delle campane, il sapore amare del caffè nero si mischia con la dolcezza della baklava, i colori accecanti dei mercati si attenuano con il turchese dei suoi mari, il profumo fruttato della shisha si mescola con gli odori forti delle spezie, la tranquillità degli hammam cozza con la confusione dei bazar.

Inoltre, lo sapete che proprio qui è nata la pratica della caffeomanzia, l’arte di leggere il futuro sui fondi delle tazzine di caffè? Fate una domanda e il caffè vi darà risposta!

Confusi? Benissimo, questo era solo l’inizio! Lasciatevi trasportare dal caos e dal silenzio, dai colori accesi e dai profumi penetranti, dalle viste mozzafiato e dai paesaggi incredibili. La nazione turca è questo e molto altro.

Scopriamo meglio in Turchia le cose da vedere!

 

2. Quindi… Turchia: cosa vedere?

Dopo aver iniziato il viaggio tra la cultura e la storia turca, è arrivato il momento di scoprire in concreto cosa vedere in Turchia. È complicato decidere quali siano le attrazioni turistiche più belle del paese data la vastità e la diversità dei paesaggi ma ecco alcuni spunti.

  1. Istanbul, la Sublime
  2. Cappadocia, la fiabesca
  3. Pamukkale, la bianca
  4. Efeso, la leggendaria

 

Istanbul, la Sublime

 

“…le foglie dopo la pioggia e in ogni stagione e ad ogni ora, Istanbul.” Così recitava il poeta turco Nazim Hikmet in I tuoi occhi, immortalando la sublime città, capitale di tre imperi, crocevia di culture e culla di tante civiltà.

Proprio per questo motivo, per i continui ampliamenti avvenuti in epoche diverse e gli sconvolgimenti provocati da eventi naturali, il tessuto urbanistico della città appare discontinuo e disordinato, confusionario e irregolare. Ma forse è proprio questo quello che affascina di più i visitatori curiosi.

La città è divisa in due dal suo porto, il Corno d’oro, così chiamato per le mille ricchezze che in passato transitavano: l’antica Bisanzo-Costantinopoli a sud e la colonia genovese Galata a nord. Divisa ma sempre compatta, separata ma sempre unita, moltplice ma sempre unica.

Pronti per un giro nella bella Istanbul?

Iniziamo con un bella passeggiata nel cuore storico della città.

Camminando per le vie di questo centro finanziario e industriale (la capitale amministrativa è Ankara), si è esposti ad ogni genere di incontri ed esperienze: dal girovare e contrattare con i venditori al Grande Bazaar, al visitare la Basilica di Santa Sofia (Hagia Sofia), la cattedrale ortodossa più importante del mondo bizantino, oggi trasformata in museo, dall’ammirare le 21.043 piastrelle azzurre della Moschea Blu nel quartiere storico di Sultanahmet al gustare un panorama irripetibile con i colori del tramonto sullo stretto del Bosforo dalla cima della Torre Galata o sulle mura della vecchia Costantinopoli.

Sembra di essere in una fiaba o tornare indietro in un passato mitico, ma la città aspetta solo di essere scoperta per davvero!

Tra le cose da vedere in Turchia, prendetevi qualche giorno e non perdete assolutamente la cosmopolita Istanbul.

 

Cappadocia, la fiabesca

 

Ancora non avete fatto il biglietto? E se vi dicessero che tra le cose da vedere in Turchia, è possibile ammirare all’alba i “camini delle fate” da una mongolfiera? Non male.

Ci troviamo nella salvaggia Cappadoccia e in particolare nel parco nazionale di Göreme: protagoniste sono queste piramidi di terra ovvero distese di particolari formazioni lavichee erose dall’acqua e dai venti, cge a causa della loro forma conica, possono essere scambiati per camini. Magari costuriti dalle fate, perchè no?

A causa della friabilità di questo tipo di roccia, l’uomo fin dall’età della pietra è riuscito a costruirsi le proprie dimore scavando nel tufo: un vero viaggiatore non potrà perdersi i dipinti rupestri all’interno di questi luoghi, ormai patrimoni dell’umanità dell’Unesco.

Sembra di essere sulla luna o in un paesaggio artificiale, costruito per un set cinematografico o per una scenografia teatrale. Il suo paesaggio è unico al mondo tra geyser, pinnacoli, crepe e grotte di varia forma. Pensate che i primi cristiani usarono queste ultime come rifugi.

Ma quando andare? Trovandosi su un altopiano e considerando la sua altezza di oltre 1000 metri, l’inverno è molto freddo e potrebbe nevicare. Neve e fate: potrebbe essere l’inzio di una fiaba meravigliosa!

Decisamente surreale: da lasciare a bocca aperta!

 

Pamukkale, la bianca

 

Se siete arrivati fin qui vuol dire che o siete molto curiosi o che ancora non siete convinti.

Ma il sito di Pamukkale, tra le cose da vedere in Turchia, sarà una delle spinte decisive a farvi intraprendere un viaggio in questo paese meraviglioso. Come i camini delle fate, anche qui il nome evoca terre lontane e favole antiche: siamo nella zona del “castello di cotone”, Pamukkale appunto.

 

Immaginate cascate di rocce bianche, terrazze turchesi e laghetti cobalto lungo tutto il pendio di una montagna. Immaginate inoltre di poter immergervi in queste vasche ricche di acque termali. Immaginate infine di rilassarvi in questa fortezza di ovatta, candida come le nuvole.

Ora, svegliatevi e aprite gli occhi: il castello di cotone esiste davvero. Si tratta di spessi strati bianchi di calcare e travertino, sovrapposti l’uno con l’altro, creati in seguito ad eventi di carattere sismico e vulcanico. Le acque benefiche fuoriescono da sottoterra ad una temperatura di 35° e si riversano sulle terrazze dove formano queste incredibili piscine di marmo, luccianti e levigate. Lo direste che è solo opera della natura?

Prima liberamente accessibile, oggi hanno limitato l’entrata ad un numero chiuso di visitatori al giorno, a causa di un abuso sconsiderato da parte dei turisti. Andate verso sera quando la luce non è troppo forte da accecarvi e quando la maggior parte dei visitatori ha abbandonato la zona: solo così potrete godervi la totale specialità di questo luogo magico.

Le candide cascate di ghiaccio non sono le uniche cose da vedere in questa regione della Turchia: si tratta dei resti della civiltà romana, tra cui vari edifici antichi perfettamente conservati, che si possono scoprire visitando la splendida città ellenistica-romana Hierapolis. Antica città della Frigia, il sito archeologico comprende il teatro di Hierapolis e l’area sacra ad Apollo dove si trovavano i maggiori templi. Ma non finsice qui. Prendetevi qualche ora per scoprire tutti i segreti della regione e non ve ne pentirete!

 

Efeso, la leggendaria

 

In Turchia le cose da vedere non finiscono qui. Facciamo un altro salto nel tempo e arriviamo ad Efeso, grande sito archeologico conosciuto in tutto il mondo.

Patria del filosofo presocratico Eraclito, detto l’oscuro, questo centro culturale era, nel mondo antico, così importante e fondamentale da posizionarsi solo dopo Roma e Alessandria d’Egitto.

Leggenda vuole che siano state le Amazzoni a fondarla, e leggendario è rimasto il suo spirito: passeggiando tra le sue vie e i suoi colonnati si respirano ancora le tracce di una storia millennaria e ricca. Ricca di imperi e culture, ricca di civiltà e popoli, ricca di conquiste e successi.

Perciò svegliatevi presto, attrezzatevi di scarpe comode e perdetevi tra le antiche costruzioni ancora intatte, lungo i percorsi già stabiliti.

La città conserva tracce dell’epoca ellenistica e romana come il teatro di forma semicircolare e scavato nella collina, uno splendido odeon, le terme, lo stadio e la bellissima biblioteca di Celso, che rappresenta il momumento più celebre di tutto il sito. Tutti i suoi libri vennero distrutti in un incendio in seguito ad un terremoto avvenuto nel 262, a cause del quale rimane da ammirare solo la facciata. Troviamo poi l’Agorà, cuore dell’antica Efeso, antico mercato e centro commerciale della città, percorsa dalla marmorea Via dei Cureti.

Non dimenticatevi del Tempio di Artemide, una delle Sette Meraviglie del mondo classico, che però, oggi è ridotto a pochi resti visibili.

Ma il sito di Efeso non finisce qui: gambe in spalla, macchina fotografica alla mano e via!

In Turchia le cose da vedere sono tante, troppe.

Sapore europeo e sapore mediorientale si scontrano ma al tempo stesso si rispettano. La molteplicità che si incontra con l’identità. La favola che si mischia alla realtà. Il tempo è sospeso, la storia chiama.

La Turchia adesso non è mai stata così vicina.

Fatta la valigia?

 

3.Piccoli consigli pratici

Dopo aver scoperto in Turchia cosa vedere, vediamo un pò di consigli pratici.

Innanzitutto, è necessario munirsi di un passaporto valido ma anche la carta d’identità può bastare. Nessun visto per soggiorni sotto i 3 mesi.

L’aeroporto principale della Turchia è quello di Istanbul, l’Atatürk International Airport a 23km di distanza da Sultanahmet, il cuore della vecchia Istanbul: con il tram lo raggiungerete in un’oretta.

Il fuso orario della Turchia è, nei mesi estivi, di un’ora avanti rispetto all’Italia mentre in quelli invernali di due ore: non dimenticate di sistemare gli orologi.

Ma quando si parte? La primavera e l’autunno sono le stagioni perfette per partire. In piena estate fa veramente caldo!

Armatevi di abbigliamento e calzature comode e sarete pronti per la Turchia.

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Comments are closed.
  • keyboard_arrow_up