TEMPO DI LETTURA: 9 minuti

L’orizzonte infinito del Grand Canyon

 

Nulla prepara alla sua bellezza. Niente anticipa alla magnificenza della sua natura. Nessuno immagina la sua vera essenza: il Grand Canyon mantiene inalterata, nonostante i suoi anni, tutta la sua potenza.

Il Grand Canyon, all’interno dell’omonimo parco nazionale in Arizona, è un concentrato di attrazioni e spettacoli selvaggi. Non a casa è stato protagonista di tante scenografie di documentari e film del cinema internazionale

 

  1. Grand Canyon: cosa vedere e cosa fare?
  2. Grand Canyon: quando andare?
  3. Come spostarsi?

 
Ma oltre ad essere una star del cinema, il Gran Canyon, con la sua esistenza, testimonia una lunga storia millenaria e tutta la forza della natura.

Si tratta infatti di una enorme gola, dalle misure impressionanti, creata dall’azione erosiva del fiume Colorado nel corso del tempo, divisa in due grandi parti: il North Rim e il South Rim, ovvero il versante nord e il versante sud del Canyon, ai quali si aggiunge il West Rim, una delle zone meno battute del parco, ma ricca di sorprese.

Il resto è solo natura e genuinità: te lo mostra il panda!
 

1. Grand Canyon: cosa vedere e cosa fare?

 

Un luogo da “bucket list”, da visitare almeno una volta nella vita.

Un luogo che, nonostante lo scorrere del tempo, ancora produce meraviglia e stupore, tanto da far rimanere senza parole i milioni di visitatori che ogni anno si perdono tra le sue attrazioni naturali.

Un luogo costellato da albe e tramonti senza paragoni, uno skyline inconfondibile e dirupi a perdifiato.

 

 

Le cose da vedere nel Gran Canyon si suddividono  in diverse zone, quasi come a voler far scegliere al viaggiatore la personalità del parco: il South Rim è il versante più turistico ed essendo più attrezzato, rappresenta la meta perfetta per chi ha poco tempo ma vuole ammirare il Grand Canyon in maniera veloce e comoda, mentre il North Rim è la destinazione ideale per un’esperienza più intima e più mistica, in completa sintonia con le vibrazioni della terra centenaria.
 

North Rim, l’altro lato del Grand Canyon

Il panda rotola proprio in quest’ultima sezione del parco: meno turisti, più divertimento!

Infatti, la sua natura scomoda e sconosciuta ai più, rende questo versante del Grand Canyon quasi incontaminato, come fosse un palcoscenico naturale, dove lo spettacolo in programma, rappresenta una prospettiva inedita del parco. Data la sua altitudine di 2460m, ovvero circa 300 m più alto del South Rim, regala viste nuove e più estese.

Le escursioni, i sentieri, le strade panoramiche e i punti di osservazione sono tanti e uno più bello dell’altro: ecco la selezione del panda!

Si parte dal Visitor Centre, alla scoperta delle cose da vedere nel Grand Canyon.

 

Bright Angel Trail

È una tra le escursioni più popolari del Grand Canyon: facile e breve camminata di circa 0,4 km, che, su un sentiero pavimentato accessibile a tutti, porta a uno dei punti di osservazione più incredibili di tutti: infatti consente una bellissima vista su Roaring Springs and Bright Angel Canyon.

 

North Kaibab Trail

Molto famoso ma più impegnativo del precedente, chiamato anche Arizona trail, il North Kaibab Trail, formato da tratti di lunghezze diverse, è il sentiero che porta dalla cima del versante fino al fiume Colorado, dove si combina con il South Kaibab Trail, che risale verso il South Rim, collegando i due crinali.

Lungo la via, si possono incontrare diversi punti panoramici dove poter ammirare la vastità del Canyon: Coconino Overlook, Supai Tunnel, fino ad allungare alle cascate di Roaring Springs, luoghi in cui è possibile rilassarsi dalla fatica della camminata e godere della natura.

Uncle Jim Trail

Uno dei sentieri che si biforcano dal North Kaibab Trail, è la Uncle Jim Trail, un breve percorso di 7 km che, srotolandosi lungo tutto il bosco in un circuito chiuso, arriva fino a raggiungere un punto sopraelevato, difficile da individuare il cui sforzo vale tutta la pena: la contemplazione è d’obbligo!

Widforss Trail

Lungo la parte occidentale del North Rim, si srotola per 15.5 km il Widforss Trail, che serpeggiando tra gli alberi della foresta, regala scenari suggestivi sul canyon fino ad arrivare al Widforss Point, uno stretto e boscoso promontorio.

 

Toroweap Point

Il Toroweap Overlook è il punto panoramico del Grand Canyon per antonomasia, che permette di godere del Grand Canyon in tutta la sua mastodontica presenza: un abisso profondo e vertiginoso, un picco a strapiombo alto 880 metri sopra il fiume Colorado, un’esperienza irripetibile da immortalare in mille fotografie.

Per raggiungerlo bisogna arrivare fino in una zona remota: ma il gioco vale la candela! Che sia con una 4×4 sui tre percorsi principali o tramite tour organizzati, lo spirito di avventura di ogni viaggiatore sarà messo alla prova.

Dal Toroweap Point, si ha la possibilità di intraprendere altre escursioni interessanti sui sentieri limitrofi, come ad esempio il Tuckup Trail, il Saddle Horse Loop Trail, e il Whitmore Trail.
 

Cape Royal Road

La Cape Royal Road, è una strada panoramica lunga 30 km, lungo la quale si affacciano e si intervallano diversi spot interessanti, dove potersi fermare.

Ecco alcune tappe.

  • Point Imperial: il panorama è piuttosto inedito perché rappresenta il punto di osservazione più alto di tutto il Grand Canyon!
  • Roosevelt Point Overlook: offre scorci interessanti, tipici del North Rim.
  • Walhalla Overlook: da dove è possibile raggiungere il Walhalla Glades Pueblo, ovvero un sito archeologico al cui interno vengono conservate le rovine di un antico villaggio indiano.
  • Cape Royal: da cui, attraverso un breve sentiero, si arriva prima al caratteristico speroni di Angel Window e poi alla cima di Wotans Throne.

La lista di cosa vedere nel Grand Canyon sul versante nord continua: due giorni sono necessari! Ma attenzione: il North Rim, a differenza del South Rim, non è aperto tutto l’anno ma solo dal 15 maggio al 15 ottobre.

 

South Rim, il gemello famoso

Ecco l’altra faccia della medaglia, ecco il gemello famoso, ecco il Grand Canyon più celebre.

Sono 300 i km che dividono i due crinali e anche è tanta la distanza tra le personalità dei due versanti.

Essendo più accessibile della parte nord, il South Rim viene assaltato in maniera maggiore dai turisti ed è per questo che viene scelto come tappa primaria se si ha poco tempo per visitare la zona, anche data l’elevata disponibilità di alloggi e servizi.

Ma turistico non vuol dire banale!

Gli ingressi al South Rim sono due: quello meridionale che arriva fino al Grand Canyon Village e quello orientale che invece porta al Desert View Watchtower, collegati dalla Desert View Drive, la strada panoramica di circa 40 chilometri che collega i due ingressi e coincide con la Route 64.

I punti panoramici più suggestivi e da non perdere assolutamente tra cosa vedere nel Grand Canyon sono Yaki Point, Grand View Point, Moran Point, Lipan Point, Navajo Point, Desert View.

 

South Kaibab Trail

Un’appassionante escursione, tra voragini e punti panoramici meravigliosi a 360°, è il South Kaibab Trail, che partendo dallo Yaki Point, raggiunge la sponda sud del Colorado unendosi con North Kaibab Trail, il sentiero che conduce al North Rim.

Sono tre le tappe in cui è diviso il percorso per facilitare i visitatori: l’Ooh Aah Point, il Cedar Ridge e lo Skeleton Point.

 

Desert View Watchtower

Può apparire come un’antica costruzione ricca di dipinti degli indiani d’America, ma in realtà è un’opera del ‘900 con l’obiettivo di ricreare gli ambienti tipici del popolo dei Pueblo che viveva in queste zone.

Sono 85 i gradini della torre: una piccola scalata per osservare dall’alto lo spettacolo del Grand Canyon che si srotola a vista d’occhio.

Poco più avanti sulla via, ma deviando dalla strada principale, si trova invece un vero e proprio antico villaggio dei Pueblo, i cui resti sono custoditi nel piccolo museo di Tusayan Ruin and Museum.

 

Il Grand Canyon Village

Sembra quasi una vera e propria città all’interno del Grand Canyon: si può trovare di tutto tra alberghi, ristoranti e la stazione dei treni.

Ed è proprio da qui che iniziano alcuni fra i percorsi più battuti come il Bright Angel Trail, South Kaibab Trail, l’Hermit Trail e Rim Trail.

 

Hermit Road

La West Rim Drive, o anche chiamato più comunemente Hermit Road, parte a ovest del Grand Canyon Village per terminare a Hermits Rest, dopo 12 km.

I punti panoramici lungo il percorso sono ben otto: tra cui Trailview Point, Maricopa Point, Powell Point, Hopi Point, Mohave Point, Abyss Point, Monument Creek Point, Pima Point.

Ci si può arrivare  a piedi, in navetta, in bicicletta e in auto privata solo nei mesi invernali.

Rim Trail

Un altro sentiero molto famoso e accessibile a tutti del South Rim è il Rim Trail, lungo più di 20 km, che permette, per tutta la sua estensione tra i pini della Foresta Kaibab, di godere di tutti i panorami più affascinanti del versante sud, fino addirittura a scendere nel cuore del canyon e toccare le acque del fiume Colorado.

 

Bright Angel Trail

Un sentiero invece abbastanza impegnativo, per i viaggiatori più allenati, è il Bright Angel Trail, che parte dal Bright Angel Lodge per scendere fino al fiume Colorado.

 

West Rim, e gli indiani d’America

Ma il Grand Canyon non finisce qui! Il panda è ancora più curioso e approda fino alla parte più occidentale del parco e più selvaggia d’America: il West Rim, un luogo unico che permette di ammirare il meraviglioso abisso naturale dell’Arizona da un punto tutto particolare!

In realtà sono due i punti panoramici più importanti: il Guano Point e l’Eagle Point con lo Skywalk.

Quest’ultima è la vera protagonista di tutta la zona: si tratta di una strana piattaforma sospesa nel vuoto dalla caratteristica forma a ferro di cavallo sulla quale i turisti possono passeggiare o sedersi, o semplicemente contemplare le bellezze di cosa vedere nel West Rim del Grand Canyon. Un’avventura da brivido!



Lontano ben 4 ore dall’interno del parco e in una zona difficile da raggiungere, ovvero nella riserva indiana degli Havasupai, sembra emergere come in un libro di fiabe una perla nascosta: le Havasu Falls, delle cascate di 30 metri che si tuffano in una piscina di un color smeraldo quasi irreale, in netto contrasto con le rocce rosse dei dintorni.

Sembra una magia, eppure basta solo cercare un po’ per scoprirla per davvero!

 

2. Grand Canyon: quando andare?

 

Un panda non può mai arrivare impreparato: meglio scoprire fin da subito quando andare nel Grand Canyon per apprezzare al meglio le sue mille e più attrazioni.

Innanzitutto, è necessario fare una distinzione tra North Rim e South Rim, che, nonostante siano originati dalla stessa madre, rivelano, a causa della loro orografia, differenze abissali, di cui è bene tenere conto.

Il North Rim ha un dislivello di oltre 300 metri rispetto al South Rim, e questo ovviamente influenza il fattore climatico: in questa zona la temperatura è molto più fresca, anche nella stagione estiva, ed è per questo motivo che l’inverno, a causa delle abbondanti nevicate, non è aperto al pubblico. Mentre al South Rim accade il contrario: inverni poco nevosi ed estati molto calde.

Generalmente il periodo compreso tra maggio e settembre è il più favorevole per andare al Grand Canyon, con luglio e agosto come mesi più caldi in assoluto, mentre invece il periodo compreso tra novembre e marzo risulta essere il meno favorevole per andare al Grand Canyon.

In ogni caso la valigia del panda, deve essere pronta ad ogni evenienza!
 

3. Come spostarsi?

Oltre ai tanti sentieri escursionistici e le passeggiate tra i boschi e le varie attrazioni naturali, un modo altrettanto interessante e spettacolare di godere di tutto il parco ma da una prospettiva ancora più emozionante e in grado di abbracciare qualsiasi cosa con un unico sguardo è sorvolare il Grand Canyon in elicottero!

Un’esperienza irripetibile, in grado di fare apprezzare al meglio questa meraviglia della natura: mozzafiato, decisamente!

Ma un’altra tipologia per visitare il Grand Canyon, altrettanto affascinante e suggestiva è il treno dalla cittadina di Williams: vintage e autentico!

Infatti la stazione è in pieno stile novecento-western e le ricostruzioni sembrano tutte vere: il Far West non è mai stato così vicino!

 

Grand Canyon: dove dormire?

Visitare il Grand Canyon in elicottero riesce a dare la possibilità di ammirare tutto in poco tempo, sorvolando in aria la zona: ma per chi non riuscisse a sfruttare questa opportunità, rimanere a rilassarsi qualche giorno in più nella natura è possibile!

Anche l’alloggio fa parte del viaggio e ne sceglie la personalità: più wild? Più tranquillo?

Nella zona del Grand Canyon ce n’è per tutti i panda!

Al di fuori del parco, per esempio, è più facile trovare alloggi a prezzi economici e il numero di alberghi e camere disponibili è maggiore rispetto alla possibilità di trovare posti dove dormire all’interno del Grand Canyon.

Nel South Rim, la zona più battuta dai turisti, le opportunità degli alloggi all’interno del parco sono varie: famose nel Grand Canyon le lodge, come ad esempio Yavapai Lodge, rustica all’esterno e moderna all’interno o Bright Angel Lodge, nominato monumento storico nazionale, o Kachina Lodge, dalla posizione incantevole.

Nella zona al nord invece, ovvero quella più selvaggia e incontaminata del Grand Canyon National Park, non vi è una vasta scelta per quanto riguarda gli alloggi: infatti l’unica possibilità di dove dormire nel Grand Canyon a North Rim è la celebre Grand Canyon Lodge, riconosciuta come National Historic Landmark, completamente a picco sul Grand Canyon.

Mentre per chi si sente particolarmente avventuroso, il Phantom Ranch, situato proprio sul fondo del Grand Canyon,  potrebbe essere l’alloggio ideale.

 

Ora, rilassati, apri gli occhi e guarda.

 

Parti con Rolling Pandas e scopri tutti i parchi americani!

Tour nei parchi degli Stati Uniti

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Comments are closed.
  • keyboard_arrow_up