Tempo di lettura: 10 minuti

Il vintage delle spiagge di Cuba

 

Cuba. Due sillabe, mille emozioni.

Il suo nome riecheggia nella fantasia e sembra aprirsi un quadro davanti agli occhi: sigari, rum, Cadillac degli anni ‘40, rumba.

Una carrellata di immagini sbiadite ma al tempo stesso sgargianti: è il colore del vintage, protagonista di questa nazione. E’ il colore del passato che a Cuba è ancora presente. E’ un’emozione che gira in perpetuum.

La sua storia si perde nei nomi di Colombo, Batista, Fidel Castro, Hemingway ed ogni luogo porta le tracce della sua testimonianza. Non si tratta solo delle piazze o delle vie della città, ma anche delle meravigliose e caraibiche spiagge di Cuba.

Non è una coincidenza se sono diventate sinonimo di relax e sole!

Un mix perfetto come la preparazione di un buon Mojito.

La forma allungata dell’arcipelago cubano permette uno srotolarsi di ben 300 spiagge bianchissime per oltre 600 km di superficIe! Le spiagge di Cuba vanno da nord e sud coprendola in tutta la sua lunghezza: tra quelle più famose e prettamente turistiche con tutti i comfort e le comodità a quelle più nascoste e sconosciute senza nessun tipo di attrezzatura.

Mojito alla mano e occhiali da sole abbassati, si va a svelare il fascino delle migliori spiagge di Cuba.

 

 

 

 

E tra un sorso al proprio cocktail e una boccata di sigaro, si approda sulle spiagge più belle di Cuba: sabbia finissima e acqua turchese, tracce di storia e di leggende, resort a cinque stelle o casas particulares.

Queste ultime si possono affittare nelle palazzine in stile sovietico che sorgono dietro la spiaggie: all’inizio erano state create dal governo per i lavoratori degli hotel, ma col passar del tempo molti appartamenti sono stati convertiti in semplici case al mare. Da non perdere!

 

La spiaggia di Varadero con Al Capone

Non es Cuba, son los Estados Unidos!”: ecco come i cubani descrivono la spiaggia di Varadero.

Celeberrima località turistica dei Caraibi, rappresenta indubbiamente la più “commerciale” delle spiagge di Cuba ed anche la più ampia, coi suoi 25 km di lunghezza. A due ore di macchina dall’Havana, situata in provincia di Matanzas e legata a Cuba solo tramite un piccolo canale, quello di Kawama, la spiaggia di Varadero, conosciuta anche col nome di Playa Azul (Spiaggia Azzurra) risponde in maniera esemplare sul cosa aspettarsi per l’isola più grande dei Caraibi: distese infinite di sabbia bianchissima, mare turchese, palme altissime, auto anni ’50 verniciate dei più svariati colori pastello, musica cubana e sigari, resort a cinque stelle, alberghi super attrezzati, campi da golf, discoteche con salsa e rumba. Ma non solo!

Oltre a poter approdare su isolotti vergini con catamarani e scoprire importanti esempi di arte rupestre cubana come nella Cueva Ambrosio, chi visita la spiaggia di Varadero ha, inoltre, l’opportunità di calarsi in maniera completa nello spirito e nelle tradizioni della gente del luogo che, con la loro allegria e spontaneità, coinvolgono tutti con il loro sorriso e il loro ritmo sfrenato!

Addio tristezza e monotonia: arriva Cuba!

La storia di questa penisola è legata ai primi anni del 1500, quando fu scoperta dall’esploratore spagnolo Sebastian de Ocampo.

Ma la vera rivoluzione che ha portato la spiaggia di Varadero a essere la meta turistica per eccellenza tra le spiagge di Cuba risale agli anni ‘20 e ‘30 del Novecento: da semplice destinazione di vacanza per i locali benestanti divenne poi la meta marittima per antonomasia di facoltosi cubani e nord americani. Si ricordano tra i più importanti e famosi Al Capone, il dittatore Batista e il fondatore della azienda chimica DuPont, che hanno costruito le loro residenze proprio qui, ancora oggi conservate e visitabili.

 

Cayo largo con i pirati

La storia di Cayo Largo del Sur risale addirittura nel lontano 1494 quando Cristoforo Colombo visitò l’isola in una delle sue tante spedizione nel Nuovo Mondo.

Ma Colombo non fu l’unico ad ormeggiare le proprie navi al largo di Cayo Largo. Probabilmente anche il corsaro inglese Francis Drake, nel corso della sua circumnavigazione della terra, potrebbe essersi fermato sull’isola.

Dopo di lui ad apprezzare Cayo Largo quale porto sicuro, lo scelsero i pirati come base dove attaccare e fare scorrerie di ogni tipo contro il dominio coloniale.

Leggenda vuole che il celebre pirata Henry Morgan calò le proprie ancore da queste parti nel 1666 ed elesse Cayo Largo come luogo ideale per seppellire il proprio tesoro. Del suo bottino ancora nessuna traccia, a causa della presenza di una foresta di mangrovie e di un terreno piuttosto brullo: può essere che il pirata Morgan avesse deciso di godersi semplicemente le bellezze di una delle spiagge più belle di Cuba!

Il suo nome deriva dalla sua conformazione geografica: cayo (isola), largo (lungo), appare infatti, stretta con una larghezza di 3 chilometri e una lunghezza di 25 chilometri.

Cayo Largo è stata la prima destinazione tra le spiagge di Cuba ad essere aperta al turismo internazionale e, ancora oggi, grazie all’aeroporto e ad un elevato numero di voli, oltre ai continui e molteplici collegamenti con l’isola più grande, è molto frequentata soprattutto da un turismo elitario, per i magnifici alberghi, le spiagge attrezzate e la presenza di numerosi yacht e barche a vela.

Fondali dove abitano spugne, stelle marine, crostacei e pesci colorati, è il posto ideale dove fare immersioni e scoprire le meraviglie dell’acqua.

Cinque sono le spiagge situate sull’isola i cui nomi richiamano la variegata flora e fauna presente: Lindamar, Tortuga, Blanca, Los Cocos e Sirena. da palme La più importante è Playa Sirena che si estende per due chilometri protetta del vento, orlata da palme di miraguano (kapok), uvas caletas e palme da cocco.


Per una full immersion nella natura una visita alla vicina Cayo Iguana dove vive, appunto, un nutrito gruppo di iguane, non si può perdere.

Invece per un full relax, da Playa Sirena si può raggiungere facilmente la vicina Playa Paraiso, dove il silenzio è d’oro, come la sabbia e la sete viene soddisfatta da un piccolo chiosco, che prepara ottimi mojito.

Una curiosità e peculiarità di questa spiaggia di Cuba data dalla sua formazione geomorfologica è il fenomeno straordinario della sabbia che non si scalda: addio bruciature sotto i piedi!

 

Guardalavaca con Colombo

Come Cayo Largo, Guardalavaca fu nascondiglio di pirati e corsari, perfetto per scorrerie e per le attività di contrabbando: e sarebbe proprio per queste che, secondo antiche leggende, sarebbe derivato il nome del territorio. La leggenda infatti narra che i locali gridavano “Guarda la vaca” quando avvistavano in avvicinamento i saccheggiatori approdare sulle coste.

Ma una data molto importante in grado di cambiare le sorti del mondo intero appartiene a questo luogo: il 1492, convenzionalmente la fine del Medioevo e l’inizio dell’età moderna. E’ proprio qui il il luogo dello sbarco del navigatore genovese Colombo il 28 ottobre 1492. Nel punto esatto dello sbarco si trova il Monumento Bariay, con la placca commemorativa a testimonianza dell’evento storico.


Scoprire Guardalavaca, nella provincia di Holguin, significa addentrarsi nel passato e nella storia e godersi il relax tra sole e sport acquatici, come come windsurf, immersioni, kayak p giri in barca. Rappresenta la terza meta turistica tra le migliori spiagge a Cuba e si caratterizza per la sua forma a conchiglia e la finissima sabbia dorata che tocca le sue acque cristalline.

A cinque chilometri da Guardalavaca, sorge la perla di Playa Esmeralda, così chiamata per le acque limpide color verde intenso: un nome una garanzia. Un piccolo gioiello circondato da scogliere e pendii ripidi dove soltanto gli ospiti di uno dei tre grandi villaggi turistici hanno l’accesso. Super esclusivo!

 

Maria La Gorda, la venezuelana

All’estremità occidentale di Cuba sulla penisola di Guanahacabibes, opposta rispetto a Varadero, spicca Maria La Gorda: si tratta di 60 chilometri di verde nel nulla, intervallato solo da spiagge che abbagliano i visitatori più impavidi e curiosi. Ma soprattutto gli amanti delle immersioni.

Maria La Gorda è, indubbiamente, tra le spiagge di Cuba, il paradiso dei subacquei: 50 punti di immersione per ammirare la più grande colonia di corallo nero dell’isola e gigli di mare e coralli colorati nel Salone di María.

Ma chi è il personaggio che dà il nome all’isola? La leggenda narra che Maria fosse una giovane venezuelana rapita dai pirati e poi lasciata su un isola. Abbandonata e sola, la donna aprì un locale su una spiaggia. Parola d’ordine: piatti prelibati per tutti i palati!

 

Playa Larga con la Baia dei Porci

Se vi dicessero di andare in vacanza nell’epicentro del momento più critico della Guerra Fredda? Nella baia più ricca di storia rivoluzionaria? In una delle spiagge migliori di Cuba?


Chiamata così per la presenza di una grande quantità di animali selvatici nel territorio, prima di essere colonizzata, il mare della Baia de lo Cochinos o dei Porci, possiede delle tonalità più profonde. Una parte della sua bellezza è sommersa poiché una metà è sulla terra, una in acqua.

Ad esempio la “Cueva de los Peces” (“Grotta dei Pesci”) è una specie di piscina naturale ed è collegata al mare da un tunnel sotterraneo: solo scendendo sotto la superficie si potrà scoprire la grotta più profonda del paese!

La miglior spiaggia sabbiosa è Playa Larga che rispecchia l’immagine tipica dei Caraibi: esotismo e relax. Ma vi è una particolarità che la rende unica: la Laguna de las Salinas, in cui nuotano gli squalo dama, per niente pericolosi!

Cayo Coco con Hemingway

Questo è l’odore che mi piace.  […] il vento di terra quando si avvicina a Cuba nell’oscurità: l’odore dei fiori di cactus, di mimosa e delle viti marine”

Così scriveva il grande Ernest Hemingway per descrivere la spiaggia di Cuba dove era solito andare.


Si tratta di Cayo Coco, nell’arcipelago detto Jardines del Rey, collegato alla terraferma da una strada lunga 27 chilometri. Il suo nome si deve all’ibis bianco, chiamato uccello Coco ma il vero protagonista della zona è il fenicottero rosa: colonie di fenicotteri hanno nidificato nelle sue acque basse.

Cayo Coco inoltre è collegata da una lingua di terra a Cayo Guillermo dove la famosa Pilar Beach, nota per le sue dune sabbiose tra le più alte di tutti i Caraibi, rappresenta una delle più belle spiagge di Cuba.

 

Playa Las Coloradas con il Che

E se Guadalavara fu protagonista di un evento storico di portata mondiale, Playa Las Coloradas rappresenta una tappa fondamentale nella storia cubana: proprio sulla sua sabbia, il 2 dicembre 1946 sbarcarono dal Messico molti combattenti tra cui Fidel Castro e Che Guevara che diedero inizio alla stagione di rivoluzione per rovesciare il regime dittatoriale di Batista.


Un nome, mille colori: deve la sua denominazione alla colorazione unica delle lagune e dell’esotica vegetazione. Presenta infatti un variopinto ecosistema formato da cactus, avocado, pellicani, pappagalli dai mille colori, e aironi.

Questa sicuramente è tra le spiagge di Cuba, la più intatta, la più lontana, la più vera e autentica dove il sapore cubano è sulla lingua e nel cuore di tutti.

 

Playas del Este e le spiaggie de l’Havana

Anche L’Havana risponde alle esigenze dei viaggiatori bisognosi di relax: anche qui vi sono le migliori spiagge di Cuba.

Per sei chilometri alla periferia della capitale cubana, seguendo via Monumental, si estendono le spiagge de l’Havana tra cui Playas del Este, composta da spiagge più piccole, ciascuna con un nome differente.

 

Tra le più famose: Playa Mégano, perfetta per chi ama lo sport, Playa Bacuranao, a forma di ferro di cavallo e Tararà, forse una delle più frequentate, sia da turisti che dalla gente del luogo. Ma la maggior parte delle strutture alberghiere delle spiagge de l’Havana sono quasi tutte concentrate a Santa Maria del Mar.

Una volta arrivati, sarà difficile non immergersi in successione in ognuna delle loro acque cristalline!

 

La preparazione del Cuba Libre è compiuto ma il vostro giro tra le spiagge di Cuba ancora no!

 

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Come funziona Rolling Pandas?

req

Crea il tuo viaggio

  • Viaggia in tutto il mondo
  • Scopri 1000+ tour organizzati
  • Più di 200 partner scelti con cura
prev

Ricevi il preventivo

  • Manda la tua richiesta senza impegno
  • Ricevi il preventivo da un esperto locale
  • Prenota con un clic
go

Parti in sicurezza

  • Piattaforma per pagamenti sicuri
  • Utilizzato da centinaia di viaggiatori
  • Opzioni di pagamento flessibili

Vuoi fare un viaggio su misura? Contatta un operatore locale!

mood_bad
  • Comments are closed.
  • keyboard_arrow_up