7+1 luoghi comuni da sfatare sui viaggi organizzati

Condividi questo articolo con i tuoi amici

I più grandi luoghi comuni sui Viaggi Organizzati

“De gustibus non est disputandum”, non si giudicano i gusti.

Questo proverbio latino calza a pennello anche al mondo dei viaggi: quando si tratta di preparare i bagagli e partire, ognuno ha le sue idee. Su una cosa, però, ultimamente sembrano essere tutti d’accordo:
I viaggi fai-da-te sono meglio dei viaggi organizzati.

Noi di Rolling Pandas siamo qui oggi per raccontarvi una storia diversa, una storia di viaggi esperienziali, in cui ogni viaggiatore è al contempo parte di un gruppo e custode della sua indipendenza.

Internet ha cambiato il mondo dei viaggi, sarebbe miope negarlo. Oggi i viaggiatori hanno accesso a tutte le informazioni su paesi, culture, itinerari, tradizioni.
Bastano un paio di click su Booking.com o Skyscanner per trovare un alloggio e un volo a prezzi estremamente competitivi. Armati di Lonely Planet, ci sentiamo dei ‘Locals’ e andiamo a passo svelto verso quel ristorantino ‘Isolato, molto intimo e tradizionale’; una volta arrivati, dobbiamo lasciare il nostro nome e aspettare mezz’ora perché, come noi, altre centinaia di possessori di Lonely Planet hanno deciso di passare una serata in un posto intimo e tradizionale. O meglio, in un posto che era intimo e tradizionale.

Succede poi che ho un dubbio su quanti kg di bagaglio posso portare in aereo, e provo a chiamare l’assistenza di un comparatore di voli: 2€ al minuto, ne resto in attesa 4.
Poco male, sto per andare in vacanza, devo essere imperturbabile.
Prendo il mio aereo e scendo a Bangkok, ho solo poche ore in città prima di prendere il prossimo volo la mattina seguente: cerco un hotel, mi faccio chiamare un tuc tuc e portare in città; vago un paio d’ore e vado a letto. Due giorni dopo scopro che, proprio quella sera, in città aveva luogo una delle principali feste tradizionali thailandesi a pochi km dal mio albergo.

Poco importa, ora sono in spiaggia a sud della Thailandia (e penso ai colleghi in ufficio che mi invidiano). Compro un po’ di frutta a bordo strada e la gusto comodamente seduto in riva al mare.
Tempo due ore e sono in ospedale con lo stomaco sottosopra. In un inglese abbozzato mi chiedono gli estremi della mia assicurazione medica. Assicurazione? E chi l’ha fatta?

Questi sono solo alcuni degli scenari tipici in cui, sia io che voi, incarnando il moderno viaggiatore fai-da-te, ci siamo ritrovati a vivere.

 

 

E nonostante tutto questo ventaglio di “scenari apocalittici”, siamo ancora titubanti quando ci propongono un viaggio organizzato. Tutta colpa dei luoghi comuni che ancora aleggiano attorno al concetto di viaggio organizzato.

Ma il viaggio organizzato come lo conosciamo è cambiato con l’evoluzione della società odierna. Ed oggi, abbiamo ufficialmente detto addio ai viaggi organizzati sinonimo di villaggi turistici pieni di bambini strillanti, animazioni di gruppo a bordo piscina e solite mete turistiche (dove i residenti prima o poi ci inviteranno a pagare l’IMU per occupazione del territorio).

Quello che ho fatto con Rolling Pandas, e che voglio farvi vivere, è un’esperienza fuori dai canoni classici di “viaggio organizzato”. Organizzato sarà semplicemente sinonimo di relax e serenità.

 

Ma ecco che qualcuno risponderà:

1. “Andrea, secondo me dici cavolate. Con un viaggio organizzato non vedrò altro che le solite cose che hanno visto tutti. Non mi farete fare qualcosa di unico!”.

Mio caro viaggiatore esigente, in parte hai ragione. Se prenoti un viaggio a New York con Rolling Pandas, stai quasi certo che ti porteremo a vedere il buon vecchio Empire State Building. Perché? Perché saremmo irresponsabili a non farlo. Chi vuole fare un viaggio a Parigi senza vedere la Torre Eiffel, o andare in Cambogia senza vedere Angkor Wat?
Sai, c’è un motivo se ti portiamo in questi posti: l’Empire State Building, così come gli altri monumenti, sono unici e affascinanti. L’Empire State Building è il simbolo dell’età d’oro di Manhattan, del cinema e della american culture. Lo sapevate che all’interno dell’edificio si disputa il Run Up, una gara di corsa indetta dal 1978, con un percorso che misura oltre un chilometro, dal sottosuolo all’ottantaseiesimo piano. Corridori di tutto il mondo non vi andrebbe di partecipare?!

Lo sapevi che la Torre Eiffel, prima e durante la sua costruzione, era una delle opere più dibattute e odiate da artisti e cittadini? E che sarebbe dovuta essere abbattuta dopo l’esposizione universale? Se fossi andato a Parigi con Rolling Pandas, l’avresti saputo!
Questi luoghi seppur “mete da turista medio”, sono la chiave per capire la storia e la cultura di una nazione.
E se ti dicessi che viaggiando in India con Rolling Pandas ti faremo vivere un’esperienza a stretto contatto con la gente del luogo? Mangerai in casa loro, e se sei fortunato ti porteremo anche ad un matrimonio.
Pertanto, rimuovi questo preconcetto. I viaggi organizzati non sono nemici dell’autenticità e dell’unicità delle esperienze che vuoi vivere quando decidi di evadere dalla tua routine. Davvero.

2. “I miei amici e amiche vanno in Sudamerica per ostelli, io voglio andare in Africa”.

Non disperare, il bello dei viaggi organizzati è che, se sei da solo, spesso avrai la possibilità di unirti ad un gruppo di persone che, come te, condividono passione e curiosità per il paese scelto.
Durante i viaggi organizzati si formano amicizie, nascono degli amori, ci si apre al confronto su idee e pensieri, e spesso si cambia – si cambia dentro in un modo in cui non avresti mai creduto. E si fanno delle ottime partite di beach volley!
Rolling Pandas ha da offrirti tutto questo. Certo è che anche tu dovrai fare la tua parte e aprirti al mondo. Sei pronto?!

 

Lasciati ispirare dai nostri pacchetti esperienze

Scopri i viaggi dei Panda Rotolanti

 

3. “Passerò tutto il tempo seduto su un autobus come un turista qualunque”

Aria condizionata o riscaldamento, Wi-Fi, sedili reclinabili e viste mozzafiato. Scherzi a parte, i viaggi in autobus sono solo una tipologia di viaggio che potrai scegliere.
Preferisci il contatto con la popolazione? Su Rolling Pandas troverai viaggi con spostamenti in Tuk Tuk, imbarcazioni locali, treni e molto altro.
Preferisci una vacanza più comoda? Niente paura, basterà scegliere gli itinerari con autista privato, in crociera o, perché no, su un confortevole bus.
Ci sono tanti modi di viaggiare, non lasciare che i tuoi preconcetti influenzano la tua esperienza di viaggio.

4. “Ok, va bene. Forse non sarò tutto il tempo su un autobus, ma sicuramente avrò orari fissi e poco tempo per me stesso”.

Sbagliato, forse negli anni ’90, dove durante un tour organizzato non potevi allontanarti dal tuo gruppo.
I tempi cambiano, e così le tradizioni: oggi basta avvisare il tour leader, e potrai prenderti tutto il tempo che ti serve facendo ciò che più ti aggrada. Potrai riunirti al gruppo quando lo desideri.

5. ”Nei tour organizzati avete sempre fretta, non faccio in tempo a vedere una cosa che è già ora di ripartire”

Come ti anticipavo al punto precedente, avrai tutta la libertà che vorrai.
Certo, non basterebbe una settimana per esplorare tutto Central Park e le sue peculiarità. Ma, credimi, con Rolling Pandas ti posso assicurare che faremo il possibile per placare la tua sete di scoperta, almeno fino al prossimo viaggio.
Esistono diverse tipologie di viaggio per visitare lo stesso posto: dai un’occhiata agli itinerari, guarda quelli che danno priorità ai posti che vorresti e vedere ed il gioco è fatto!

 

6. “Organizzando il viaggio da solo si spende meno”

Anche io lo pensavo. Veramente.
In realtà è soltanto una sensazione dovuta al fatto che, in un viaggio organizzato, ti troverai a pagare in un colpo solo trasporti, alloggi e cibo prima della partenza.
Infatti, un viaggio organizzato è frutto di una collaborazione continuativa con alloggi, guide,
compagnie aeree etc. In virtù di questo, il prezzo è palesemente migliore di quello che potresti ottenere organizzando un viaggio fai da te.
Organizzando da solo potrebbe capitare un evento non previsto che ti scombina la tabella di marcia. Ad esempio, arrivi a Dubai, hai uno scalo di 12 ore e decidi di vedere la città e decidi di farti portare in taxi al burj khalifa, l’edificio più alto al mondo. Arrivi nella hall e chiedi un biglietto e ti senti dire “mi dispiace, non è possibile comprare i biglietti in giornata”. In un viaggio organizzato, i biglietti sono sempre comprati in anticipo. Niente file e attese, niente brutte sorprese.

7. “Se faccio un viaggio organizzato, finirò a mangiare in ristoranti dozzinali e turistici”

Ormai, in nome dei Panda, potrai immaginare la mia risposta: dipende.
Se scegli un viaggio avventura a contatto con la popolazione, probabilmente mangerai in piccoli locali tipici. Se, invece, ti orienti su un’esperienza ‘Oktoberfest: due giorni a Monaco’, probabilmente mangerai stinco seduto al tavolo con altre 100 persone, almeno.

 

 

Scherzi a parte, spero di averti trasmesso il messaggio, o meglio spero di averti trasmesso quella voglia di provare qualcosa allontanandoti da pregiudizi e luoghi comuni che la circondano.
In fondo un anonimo disse una volta:

7+1. “Quanto affollamente nei luoghi comuni”

Su Rolling Pandas non troverai il buon vecchio viaggio organizzato, te lo possiamo garantire.

Vieni a sfatare con noi questi luoghi comuni

Scopri come funziona su Rolling Pandas

Tu dimentica la solita vacanza, al resto ci pensiamo noi di Rolling Pandas!

 

Condividi questo articolo con i tuoi amici

mood_bad
  • Non ci sono commenti
  • chat
    Aggiungi un commento
    keyboard_arrow_up